• Mer. Lug 6th, 2022

Monologo Leeza tratto dalla serie Midnight Mass

DiFeM

Mag 11, 2022 ,
Condividi l'articolo su:

Se stai cercando il Monologo Leeza tratto dalla serie Midnight Mass sei nel posto giusto!
Leggi anche: Monologo Martin tratto dalla serie Fleabag


Midnight Mass Trama

Il ritorno di Riley Flynn a Crockett Island, piccola e isolata comunità di sole 127 anime, ci porta a fare la conoscenza di una società che vive un decadimento pragmatico e spirituale molto forte.

Le poche persone rimaste sull’isola rappresentano lo spettro di una realtà che una volta li univa e li rafforzava.

Un sentimento che sembra pervadere anche Riley, tornato dopo un esilio volontario sul continente e poi forzato, dopo l’arresto per omicidio stradale in stato di ebbrezza.

L’arrivo di un nuovo giovane prete, Padre Paul, sconvolge l’esistenza della piccola comunità con il suo travolgente carisma e, soprattutto, con una serie di miracoli che fanno sorgere più di un interrogativo in Riley, ormai ateo dopo gli eventi che ne hanno sconvolto l’esistenza, e che scatenano un revival religioso nell’intera comunità, mentre una presenza oscura e misteriosa si aggira per l’isola.


Midnight Mass Monologo

Leeza

È come me lo aspettavo. Eccoci qua. Stavo camminando con mio padre e non andavamo da nessuna parte,
passeggiavamo solo. Era lì che lui mi parlava di più, quindi glielo chiedevo fin da quando ero piccola. Camminavamo come le altre serate. E poi è successo. È stato come un rombo di tuono, sono caduta ma non l’ho sentito. Mio padre strillava, come un animale. Non aveva mai urlato in quel modo, ma io non l’ho sentito. Non ho sentito niente. È stato in quel momento che mi sono resa conto che non sentivo. E mi sono spaventata davvero.
Io ti odio. La sincerità è importante, te lo dico. Io ti odio, Joe Collie. Ti ho odiato per tanti anni e le cose che ho immaginato di farti…voglio che tu soffra, che ti senta ferito. Voglio che strilli come quando mio padre ha appoggiato la mano su quel buco nella mia schiena. Voglio che implori in ginocchio il mio perdono per poterti dire di no. Voglio che tu viva nella completa, assoluta disperazione e, quando dico che questo posto è come lo immaginavo, intendo che speravo che fosse così.
Mi hai derubata, di chi ero e di chi potevo essere. Mi hai derubata delle cose che non avevo ancora. Tu hai segnato tutto il mio futuro, Joe Collie.
Tutto questo è vero e mi porto tutto dentro, ma non è per questo che sono qui.
Sono venuta qui oggi, sono venuta a dirti che ti perdono. Ti perdono Joe Collie e adesso ti capisco e sono ancora arrabbiata con te, però è diverso. Anche solo dirlo adesso è diverso e lo sai perché? Perché l’unico ostacolo tra te e una vita migliore, sei tu. L’ostacolo sulla mia strada era l’odio. E l’ostacolo sulla tua strada sei tu. È scritto: “Meglio la pazienza che la forza di un eroe. Chi domina se stesso vale più di chi conquista una città”. Proverbi 16:32. Sai cosa significa “Proverbi”, Joe? La saggezza. E la conoscenza.


Grazie per aver letto l’articolo: clicca qui per leggerne altri!


Sei alla ricerca di un libro divertente e non opprimente da leggere? Allora smetti di cercarlo, perché l’hai trovato!

E se sognassi Verde?” è il libro che fa per te.

Una raccolta di sogni autoconclusivi uno più stravagante dell’altro, passando dai capitoli più horror a quelli divertenti e di avventura. Un libro da leggere tutto di un fiato che vi farà appassionare.

Lo puoi trovare su Amazon cliccando qui!

.

FeM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.