• Lun. Gen 17th, 2022

Monologo fili d’erba dalla serie Strappare lungo i bordi

Condividi l'articolo su:

Se stai cercando il Monologo fili d’erba dalla serie Strappare lungo i bordi sei nel posto giusto!
Leggi anche: Migliori Frasi della serie Strappare lungo i bordi


Strappare lungo i bordi trama

La serie ruota attorno a un viaggio che Zerocalcare e i suoi due amici di sempre, Sarah e Secco, devono affrontare. Nel corso degli episodi si susseguono racconti e flashback della vita del protagonista, passando dagli anni delle scuole medie, a quelli del liceo, fino a tornare al presente, raccontando la sua esistenza attraverso il sarcasmo e l’ironia che contraddistinguono il personaggio. Durante il viaggio Zerocalcare cerca in tutti i modi di distrarsi da quello che la sua coscienza (un armadillo dalle sembianze antropomorfe che lo accompagna da sempre) vuole ricordargli: il motivo per cui i tre amici si stanno dirigendo in treno verso la città di Biella.


Strappare lungo i bordi Monologo

Voce narrante

No ‘o so, so’ confuso. Mo me sento un cojone egocentrico, e pure ‘a storia dii fili d’erba io ‘o so ch’è vera e nun fa na piega, eppure nun me riesce a fa quell’effetto rasserenante de 30 anni fa. Sarà pure che me guardo intorno adesso e più che fili d’erba a me me pare che semo popo stracci. Brandelli sottili e ciancicati uguali a ‘e vite che se ritrovamo in mano. E semo pure stupidi perché se ‘mpuntamo a fa er confronto co ‘e vite dell’artri che a noi ce sembrano tutte perfettamente ritajate, impilate e ordinate, e magari so’ così perfette solo perché noi le vediamo da lontano, invece sotto l’occhi c’abbiamo solo ste cartacce senza senso… che so’ popo distanti d’aa forma che avevamo pensato. Calcola che se domani ariva San Pietro e me chiede che forma c’hanno ‘e vite dee persone ‘ntorno a me… Mo no ‘o so perché San Pietro, me pare uno che ste domande der cazzo le fa…

Clicca per Link Amazon per il dvd Luca!
Grazie per aver letto l’articolo: clicca qui per leggerne altri!

è uscito il nuovo video recensione su La divina congrega

Seguici anche su:

FeM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *