• Sab. Ott 16th, 2021

Monologo della serie Sex Education di Maeve

DiFeM

Ott 12, 2021 , ,

Se stai cercando il Monologo della serie Sex Education di Maeve sui pregiudizi sei nel posto giusto!
Leggi anche: Libri più belli sulla serie netflix Sex Education


Trama Sex Education

La serie è ambientata nel Regno Unito nei tardi anni 2010.

Il protagonista è Otis Milburn, un comune adolescente britannico figlio di Jean, una scrittrice e terapista sessuale di fama nazionale. La sua vita è stata sempre invasa dal lavoro della madre, tanto da renderlo un ragazzo particolarmente sensibile ai problemi altrui, specialmente se di natura sessuale.

Il sedicenne frequenta l’Istituto Moordale insieme al suo migliore amico gay Eric. Un giorno si ritrova a parlare con Adam, un compagno di scuola bullo nonché figlio del preside con problemi eiaculatori il quale, grazie ai consigli di Otis, riesce ad avere un rapporto completo con la sua ragazza, Aimee.

In seguito a ciò Maeve, un’amica di Aimee, comprende le abilità terapeutiche di Otis e gli propone di diventare il «terapista sessuale» degli studenti della Moordale, previo pagamento. Così comincia l’avventura da sessuologo di Otis che, insieme con Maeve ed Eric, costituisce il fulcro delle relazioni del Moordale.


Monologo Maeve Sex Education

Maeve

Sai da quanto mi chiamano “mordi cazzo”? Quattro anni. Gente che non avevo mai visto me lo diceva in faccia. Ho morso lo scroto di Simon Furthassle. Ho fatto sesso con quattro ragazzi insieme, mi sono scopata mio cugino. Ti faccio una sega per cinque sterline se vuoi.
Lo sai com’è iniziata? Simon, al compleanno di Claire Tyler voleva baciarmi. Ho detto no. E lui si è inventato che gli avevo morso il cazzo. Tutto qua.
Le bugie ti restano attaccate. E fanno male. Non le merita nessuno, nemmeno Ruby.
Non importa che non lo sapevi, però ora aiutami a risolvere questa cosa.

Clicca per Link Amazon per il dvd Luca!
Grazie per aver letto l’articolo: clicca qui per leggerne altri!

SEGUICI anche su youtube, video di tutti i tipi!!

Seguici anche su:

FeM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *